taormina con l'etna sullo sfondo

Taormina: Cosa Vedere, Come Arrivare e Migliori Spiagge

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su twitter

Adagiata sul Monte Tauro, a 200 metri di altitudine sul mar Ionio, Taormina è una delle mete turistiche più gettonate della Sicilia.

In virtù della sua storia, della sua eleganza e delle bellezze paesaggistiche che la circondano è anche uno dei primi luoghi che consiglio di visitare gli ospiti della mia casa vacanze, la quale dista d’altronde solo pochi chilometri.

Di seguito vi spiegherò cosa vedere a Taormina e vi darò alcuni suggerimenti per organizzare al meglio la visita a questa straordinaria città. Usate l’indice dei contenuti qui sotto per spostarvi da una sezione all’altra dell’articolo.

Il Centro di Taormina: Cosa Vedere e Cosa Fare

Iniziamo dunque questa panoramica dei luoghi di interesse di Taormina parlando del suo viale più famoso e delle attrazioni che si affacciano su di esso.

Il Corso Umberto I

Il centro storico di Taormina si sviluppa intorno al suo corso principale, via Umberto, delimitato a nord da Porta Messina ed a sud da Porta Catania.

Queste due porte costituiscono i principali punti di ingresso della città, e non sono altro che dei varchi ricavati nell’antico sistema di fortificazione cittadino, risalente alla dominazione araba.

L’elegantissimo corso Umberto è ormai da molti anni isola pedonale. Su di esso si affacciano negozi di lusso, botteghe di artigiani, bar e ristoranti. Vi consiglio comunque di non limitarvi a passeggiare soltanto lungo il corso principale: Taormina è piena di pittoreschi vicoli stretti e caratteristiche scalinate in pietra che offrono spesso scorci fantastici!

Torna all’indice ↑

Il Teatro Antico di Taormina

Se inizierete a visitare Taormina partendo da Porta Messina (più vicina al terminal degli autobus), vi ritroverete nella parte greco-romana della cittadina.

Teatro greco di Taormina in Sicilia

A breve distanza da Porta Messina, una strada in leggera salita conduce al maestoso Teatro Antico di Taormina, il monumento più famoso della città. Sebbene sia stato originariamente edificato dai Greci, fondatori della città, il Teatro Antico fu in seguito ricostruito dai Romani. Ciò che è arrivato ai giorni nostri risale al II secolo d.C.

Ancora oggi, il Teatro Greco di Taormina svolge la sua funzione originaria, seppure in chiave moderna. Esso è infatti sede di numerosi concerti e spettacoli, soprattutto durante la stagione estiva.

Una visita al Teatro Antico di Taormina vi permetterà anche di godere di una splendida vista sull’Etna, perfettamente incorniciata dalla antiche colonne del palco. Attualmente il costo del biglietto è di 10€ (intero) o 5€ (ridotto). L’orario di apertura va dalle 9:00 ad un’ora prima del tramonto.

Torna all’indice ↑

La Villa Comunale

Sicuramente da non perdere a Taormina è la Villa Comunale: si tratta di un curatissimo parco ricco di vegetazione sia autoctona che esotica, costellato di sculture nelle quali si mescolano lo stile gotico, romanico e barocco.

Questi giardini furono voluti dalla filantropa britannica Lady Florence, appassionata di botanica, che visse in Sicilia nella seconda metà dell’Ottocento.

Torna all’indice ↑

Piazza IX Aprile (Belvedere di Taormina)

Passeggiando lungo il corso Umberto, giungerete ad una splendida piazza con pavimento a scacchiera. Si tratta di piazza IX Aprile (chiamata anche piazza s. Agostino). La piazza costituisce il famoso Belvedere di Taormina, nonché il vero e proprio centro della città.

Qui si affacciano i più eleganti bar di Taormina e d’estate si esibiscono diversi artisti di strada (se volete farvi fare un ritratto o una caricatura questo potrebbe essere il posto giusto!). Dalla balconata della piazza potrete ammirare l’Etna, la baia sottostante ed il Teatro Antico.

piazza IX aprile a Taormina

Sulla piazza si affacciano due chiese: quella di san Giuseppe (visibile nella foto qui sopra) e quella, più piccola di sant’Agostino, che un tempo dava il nome alla piazza.

Vicino alla chiesa di san Giuseppe sorge invece la Torre dell’Orologio (chiamata anche Porta di Mezzo), che separa la Taormina greco-romana dalla parte medievale della città. L’attuale torre risale alla fine del XVII secolo, ma è stata costruita sui resti di un edificio preesistente.

Torna all’indice ↑

Piazza Duomo a Taormina

Oltrepassata la torre dell’orologio si giunge in piazza Duomo, sulla quale si affacciano il municipio e la chiesa madre di Taormina. Il Duomo, edificato a partire dal XIII secolo sui resti di una chiesa più antica, è oggi dedicato a San Nicola di Bari.

duomo taormina facciata
La facciata del Duomo e la fontana.

Sulla facciata, in stile gotico-romanico, risaltano il rosone centrale e lo splendido portale principale, situato fra le due monofore quattrocentesche.

Una caratteristica peculiare di questa chiesa è la sua elegante merlatura a corona. In virtù della sua austerità, il Duomo di Taormina è anche conosciuto come cattedrale-fortezza.

L’interno della chiesa è a croce latina con tre navate. Alcune delle colonne situate nella navata centrale, derivano con tutta probabilità dal Teatro Antico. La chiesa custodisce diversi dipinti e polittici molto antichi e di notevole interesse artistico. Noterete opere risalenti ad epoche differenti ed espressione di diversi stili (dal bizantino al rinascimentale al barocco).

taormina duomo interno
L’interno del Duomo di Taormina

Di fronte al Duomo di Taormina, sorge una splendida fontana in stile barocco, la cui costruzione iniziò nel 1635. Al centro della vasca principale è situato un piedistallo, sul quale sorge una statua che raffigura un centauro.

Ai bordi della fontana si invece trovano quattro colonne sormontate da altrettante statue raffiguranti cavallucci marini. Da queste figure, un tempo, sgorgava l’acqua (oggi ne è rimasta in funzione solamente una). Queste quattro statue spiegano anche il nome col quale è conosciuto il monumento, ossia “Quattro Fontane“.

Torna all’indice ↑

Santuario della Madonna della Rocca di Taormina

Se le strade in salita non vi spaventano, vi consiglio anche di visitare il Santuario della Madonna della Rocca di Taormina, accessibile attraverso una lunga scalinata che parte da via Circonvallazione (circa 100 metri di dislivello).

Santuario di Taormina, Sicilia

Questo santuario è stato restaurato nel 1640 da padre Francesco Raineri (che venne sepolto proprio qui). L’origine della chiesa sembra tuttavia molto più antica e risale probabilmente al XII secolo. La caratteristica di questo santuario (che ne spiega anche il nome) è quella di essere stato costruito all’interno di una grotta naturale: in buona parte, il suo soffitto è costituito dalla roccia!

Accanto al santuario sorgono un eremo (ormai inutilizzato) ed il castello di Taormina (attualmente, purtroppo, chiuso). Quest’area costituisce un ottimo punto panoramico: è infatti possibile ammirare il maestoso Monte Etna, la città sottostante ed il mar Ionio.

Torna all’indice ↑

Belvedere di via “Guardiola Vecchia”

Vi ho già parlato, qualche paragrafo più sopra, di Piazza IX Aprile e della splendida vista che si può ammirare dalla sua balconata. A Taormina esiste però un secondo Belvedere, forse meno conosciuto ma altrettanto spettacolare.

Si trova appena fuori dal centro, a qualche centinaio di metri da Porta Messina. Per raggiungerlo, proseguite lungo via Pirandello (oltrepassando il terminal degli autobus) fino ad incrociare l’inizio di via Guardiola Vecchia.

Taormina, Isola bella

Da questo terrazzo panoramico potrete ammirare tutta la costa a nord di Taormina, lo stretto di Messina, i rilievi della Calabria, Forza d’Agrò e Capo s. Alessio, con il suo castello.

Ciò che catturerà maggiormente la vostra attenzione si trova però proprio sotto di voi: la famosa Isola Bella di Taormina, che da qui potrete ammirare (e fotografare) dall’alto. Si tratta, a mio parere, di una delle viste più belle della Sicilia.

Torna all’indice ↑

La via dei pescatori

Da questo belvedere parte inoltre la cosiddetta via dei pescatori di Taormina. Si tratta di una lunga scalinata panoramica che collega il centro storico della città alla statale 114, proprio di fronte l’Isola Bella.

Il nome con il quale è stato battezzato questo percorso è dovuto al fatto che in passato, quando l’economia di Taormina era ancora basata sui prodotti ittici, i pescatori della zona percorrevano proprio questa scalinata per spostarsi dalle proprie abitazioni alla costa.

Il percorso ha un dislivello di poco inferiore ai 200 metri, molto semplice in discesa ed un po’ più impegnativo in salita, soprattutto durante le calde giornate d’estate.

Torna all’indice ↑

Le Migliori Spiagge di Taormina

Dopo aver parlato di cosa vedere a Taormina, scopriamo adesso quali sono le migliori spiagge in sua prossimità.

Prima, però, voglio fare una piccola considerazione. Il mare di Taormina è stupendo dal punto di vista paesaggistico: le spiagge sorgono ai piedi del monte sul quale si trova la città e praticamente da ogni punto si ha una vista eccezionale.

A sud di Capo Taormina potrete ammirare il panorama sulla baia di Giardini Naxos e sull’Etna, mentre le spiagge settentrionali offrono una splendida vista sullo Stretto di Messina e la Calabria. Qua e là si trovano numerose insenature e piccoli promontori spesso coperti da fichi d’India e macchia mediterranea.

Tuttavia, se cercate un luogo rilassante per trascorrere una giornata a mare, Taormina potrebbe non essere il posto giusto: le spiagge più belle non sono molto estese, ma sempre affollatissime. Nella maggior parte dei casi troverete posto solo su scogli o grosse pietre, non particolarmente comode.

I parcheggi vicino l’ingresso delle spiagge sono inoltre molto cari. Insomma: le spiagge di Taormina sono forse più belle da guardare che non per prendere il sole o fare il bagno!

Per una giornata all’insegna del relax vi suggerirei di orientarvi verso la zona di Fondachello o, se cercate espressamente una spiaggia vicino Taormina, nelle località limitrofe di Giardini Naxos e Letojanni.

Torna all’indice ↑

L’Isola Bella di Taormina

Iniziamo questo excursus sulle spiagge di Taormina proprio dall’Isola Bella, alla quale ho già accennato poc’anzi. Si tratta di una piccola isola situata tra Capo Taormina e Capo s. Andrea, proprio ai piedi del centro storico.

L'Isola Bella a Taormina vista dalla spiaggia

A seconda delle maree e delle condizioni meteorologiche, un lembo di sabbia raggiunge l’Isola Bella, trasformandola in una penisola. In questi casi, potrete raggiungere l’isola a piedi senza bagnarvi.

Per la sua bellezza, l’Isola Bella è anche detta “la perla del Mediterraneo“. La folta vegetazione che ricopre l’isola, che include anche piante esotiche, è stata in buona parte introdotta dalla dalla filantropa Lady Florence, della quale vi ho parlato prima.

La nobildonna britannica, un tempo proprietaria dell’Isola bella, vi fece anche costruire sopra la lussuosa villa tutt’ora presente. Oggi, l’Isola Bella è una riserva naturale, la cui gestione è affidata a CUTGANA, facente parte dell’Università di Catania.

Sicilia: l'Isola Bella a Taormina

Se volete fare il bagno in questo splendido contesto, sappiate che nel breve tratto di spiaggia tra l’Isola Bella e la scalinata che la collega alla SS114 sono presenti alcuni stabilimenti balneari. Il lembo di spiaggia proprio di fronte l’isola è invece pubblico. In quest’area il fondale è molto ricco ed è quindi ideale anche per lo snorkeling.

Il modo più semplice di spostarsi dal centro di Taormina all’Isola Bella è usufruire della funivia, le cui stazioni sono situate rispettivamente in via Pirandello (vicino al centro storico) e, sulla costa, a soli 400 metri dall’Isola.

Torna all’indice ↑

La spiaggia di Villagonia

A sud di Capo Taormina, appena oltre la stazione ferroviaria, potrete accedere alla spiaggia che costeggia la SS114.

Il punto di accesso non è molto evidente: circa 300 metri oltre la stazione troverete un gruppo di case ed una piccola traversa in salita. Di fronte, individuate una freccia con la scritta “Beach” che indica una breve scalinata.

Al termine della scalinata, che consente di passare al disotto della linea ferroviaria, vi troverete nella spiaggia di Villagonia sulla quale, durante l’estate, viene allestito un piccolo lido.

Superato questo stabilimento si apre la spiaggia libera. In teoria, potreste seguire la costa per un tratto piuttosto lungo ma tenete conto che, man mano, il percorso si fa più impegnativo.

Superata infatti la prima parte di spiaggia, costituita da pietre e ghiaia, bisognerebbe scavalcare un piccolo muretto ed oltrepassare alcuni grossi scogli. Si giunge infine in una splendida baia quasi sempre deserta (in pochi conoscono questo luogo 😉 ), proprio a ridosso di Capo Taormina.

Vengo spesso in questa zona, sia per fare il bagno che per scattare delle foto alla splendida baia ed all’Etna che sorge alle spalle di Giardini Naxos. Potrete raggiungere facilmente questa spiaggia anche in treno, risparmiandovi così lo stress di trovare parcheggio.

Torna all’indice ↑

La spiaggia di Mazzarò

Mazzarò è la piccola frazione costiera di Taormina posta proprio al disotto del centro cittadino. Per essere precisi, ne fa parte anche l’Isola Bella, della quale ho parlato poc’anzi.

Tuttavia, quando si parla della spiaggia di Mazzarò a Taormina si intende più spesso la piccola baia incastonata fra Capo s. Andrea e Capo Mazzarò.

Potrete accedere a questa spiaggetta tramite due distinte scalinate situate ai suoi margini. Durante l’estate, da questa spiaggia partono escursioni organizzate in barca per visitare le grotte di Capo s. Andrea, ed è presente uno stabilimento balneare.

Taormina spiaggia mazzarò
La baia di Mazzarò

Torna all’indice ↑

La spiagge di Spisone e Mazzeo – Taormina

Proseguendo in direzione nord, immediatamente dopo la frazione di Mazzarò, si giunge presso la lunga spiaggia di Spisone. Ad eccezione del primo tratto, a ridosso del piccolo promontorio di Capo Mazzarò, la spiaggia è costituita da sabbia fine dorata.

Anche se questa spiaggia è prevalentemente libera, troverete anche alcuni dei lidi più gettonati di Taormina. Il paesaggio e le caratteristiche della spiaggia sono molto simili anche nella adiacente località di Mazzeo, ultima frazione di Taormina prima di varcare il confine con il comune di Letojanni.

spiaggia di Mazzeo a Taormina
La spiaggia di Mazzeo

Torna all’indice ↑

Come Arrivare a Taormina

Adesso che vi ho descritto cosa vedere a Taormina e quali sono le migliori spiagge in sua prossimità, non resta che scoprire come raggiungerla.

In quest’ultima parte dell’articolo vi spiegherò dunque come arrivare a Taormina, sia in auto che con i mezzi pubblici.

Come Arrivare a Taormina in Auto:

Taormina è servita dall’autostrada A18 Catania-Messina che la collega a tutte le principali località della costa orientale siciliana.

Se provenite da località vicine (ad esempio se sceglierete di soggiornare nella mia casa vacanze di Riposto 🙂 ) vi consiglio comunque di optare piuttosto per la SS114, spesso più comoda da raggiungere e comunque abbastanza rapida.

Tenete conto del fatto che, come vi dicevo, il centro storico di Taormina è chiuso al traffico. Dovrete quindi lasciare l’auto in uno dei grandi parcheggi al di fuori della città.

Il parcheggio “Porta Catania” può essere raggiunto imboccando la via Crocefisso direttamente dalla SS114 nei pressi della stazione ferroviaria. Dopo aver parcheggiato, un ascensore vi porterà direttamente nel centro storico.

Un’altra possibilità è quella di lasciare l’auto presso il parcheggio “Mazzarò“, poco distante dall’Isola Bella. Da qui, come spiegato prima, potrete arrivare nel centro storico attraverso la funivia oppure a piedi.

Torna all’indice ↑

Come Arrivare a Taormina coi Mezzi Pubblici:

L’aeroporto più vicino è quello di Catania Fontanarossa, collegato a tutte le più importanti città italiane ed europee.

Per andare dall’aeroporto di Catania a Taormina potete servirvi dei pullman della compagnia Interbus, i quali impiegano poco meno di un’ora e mezza per giungere a destinazione. La stessa società collega Taormina anche ad altre località siciliane, ma nella maggior parte dei casi, vi suggerisco piuttosto di spostarvi in treno.

La stazione ferroviaria di Taormina-Giardini Naxos è posta lungo la linea Messina-Catania-Siracusa ed è servita da tutti i treni passeggeri. I tempi di percorrenza minimi sono di 35 minuti partendo da Catania o Messina e di soli 15 minuti partendo da Giarre-Riposto (la stazione più vicina al nostro appartamento).

Giunti alla stazione ferroviaria di Taormina, per raggiungere il centro storico dovrete servirvi degli autobus di linea, anch’essi gestiti da Interbus. I collegamenti sono piuttosto frequenti tutto l’anno, ed ulteriormente intensificati durante l’estate.

Torna all’indice ↑

Luoghi di interesse nei dintorni di Taormina

Taormina si trova a breve distanza da molti altri luoghi di interesse, fra i quali spiccano Giardini Naxos e, soprattutto, Castelmola.

Per conoscere i posti da non perdere della Sicilia Orientale, invece, vi consiglio di dare un’occhiata a questa pagina.

Torna all’indice ↑

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento